Log In
per i professionisti

AR-Multivit Plus

Guida Prodotti: Benessere in gravidanza e allattamento

Per suggerimenti/richieste
consumer@named.it

Informazioni

INDICAZIONI: Ar-Multivit Plus è un integratore alimentare di Vitamine e Minerali, indicato nei casi di ridotto apporto con la dieta o di aumentato fabbisogno di tali nutrienti.
MODALITÀ D'USO: si consiglia l’assunzione di una o due buste al giorno. Sciogliere il contenuto della busta direttamente in bocca.
CONFEZIONI DISPONIBILI: 28 bustine orosolubili.
CONTROINDICAZIONI: non note.
AVVERTENZE: vedi confezione.

Curiosità

Calcio: è un minerale essenziale e possiede una grande varietà di ruoli biologici. È il maggior costituente di ossa e denti. Inoltre, è un elemento cruciale per la contrazione muscolare, la conduzione nervosa, la coagulazione del sangue e il metabolismo energetico.

Vitamina C: nota per le sue proprietà antiossidanti, è in grado di sostenere le difese organiche. Favorisce la normale formazione del collagene per il trofismo delle cartilagini, della pelle e dei vasi sanguigni, favorisce le difese immunitarie e facilita l’assorbimento del ferro.

Ferro: è fondamentale per la vita, serve per trasportare l’ossigeno nel sangue, per l’attività respiratoria cellulare e per la replicazione cellulare.

Niacina: favorisce il metabolismo energetico, la funzionalità del sistema nervoso, le funzioni psicologiche, contribuisce a mantenere le membrane mucose normali, contrasta stanchezza e affaticamento.

Magnesio: è indispensabile per i più importanti processi biologici: partecipa al metabolismo energetico cellulare, contribuisce alla sintesi delle proteine, utile per la contrazione muscolare, inoltre, regola la trasmissione nervosa.

Vitamina A: nota per le sue proprietà antiossidanti. Fondamentale per i pigmenti fotosensibili della retina. 
Facilita l’elasticità e l’idratazione delle mucose e della pelle. Favorisce la specializzazione cellulare e le fisiologiche difese dell'organismo.

Vitamina E: possiede proprietà antiossidanti, nello specifico è un fattore fondamentale di protezione della membrana cellulare, permettendo una migliore protezione da aggressioni endogene o esogene.

Folato: utile per il buon funzionamento del sistema nervoso; interviene, inoltre, nella sintesi degli aminoacidi; favorisce la divisione cellulare.

Zinco: noto per le sue proprietà antiossidanti. Favorisce il sistema immunitario, partecipa alla produzione di energia, mantiene la vista in buona salute. È importante nel metabolismo di proteine e carboidrati; inoltre, è indicato per il benessere della pelle.

Vitamina B6: utile nel metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine; è importante per regolare l'attività ormonale, inoltre contribuisce alla normale funzionalità del sistema immunitario e contrasta stanchezza e affaticamento.

Vitamina B2 (Riboflavina): nota per le sue proprietà antiossidanti. Utile nei casi di affaticamento e stress; è importante nel metabolismo dei grassi, delle proteine e dei carboidrati. È necessaria per la formazione di globuli rossi. È utile per la salute della pelle e degli occhi.

Vitamina B1 (Tiamina): utile per il metabolismo dei lipidi, dei carboidrati e delle proteine. È utile anche per mantenere la normale funzionalità cardiaca. Aiuta a mantenere il sistema nervoso sano.

Acido pantotenico: favorisce il metabolismo energetico e le normali prestazioni mentali; contrasta stanchezza e affaticamento.

Rame: utile per sostenere il sistema immunitario, inoltre svolge azione benefica sul sistema nervoso.

Vitamina B12: necessaria per la divisione cellulare, per il corretto funzionamento del sistema nervoso e per la normale formazione dei globuli rossi.

Vitamina D: nota per favorire l'assorbimento del calcio, il trofismo delle ossa; inoltre contribuisce alla normale funzionalità muscolare.

Selenio: noto per le sue proprietà antiossidanti, favorisce il sistema immunitario.

Le vitamine sono un insieme molto eterogeneo di sostanze chimiche, normalmente necessarie per il fabbisogno dell’organismo, nel quale regolano una serie di reazioni metaboliche. Spesso svolgono la funzione di coenzimi, assumendo quindi un’importanza fondamentale per il buon funzionamento dei vari processi biologici che avvengono nel nostro organismo. 
La carenza di vitamine viene solitamente definita ipovitaminosi, quando la vitamina è presente in quantità insufficienti, o avitaminosi, nei rari casi in cui è totalmente assente, determinando sintomi specifici, a seconda del tipo di vitamina carente, e può causare diversi disturbi o patologie. 
L’ipovitaminosi può dipendere da un’insufficiente assunzione di vitamina con gli alimenti, oppure da un aumentato fabbisogno, come avviene ad esempio in gravidanza, o in presenza di alterazioni intestinali che ne impediscono il corretto assorbimento, come nel caso di alcune patologie o di alcolismo cronico. 
Le vitamine non possono essere sintetizzate dall’organismo, è quindi necessaria la loro supplementazione esogena. Tuttavia, rispetto ai macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi) esse sono contenute in bassissime percentuali nell’alimentazione. 
L’alimentazione moderna (ricca di cibi raffinati, in scatola, con conservanti) e una dieta scorretta possono comportare carenze di sali minerali e vitamine. 
Inoltre, l'uso di alcuni farmaci, quali antibiotici, lassativi, antinfiammatori e contraccettivi orali, può aumentare il fabbisogno giornaliero di vitamine. 
Le carenze relative ad una sola vitamina sono rare, in quanto i disordini nutrizionali portano spesso a mancanze polivitaminiche. 
È dunque buona abitudine assumere vitamine e minerali attraverso una corretta alimentazione ed eventualmente, a seconda delle necessità, anche assumendo integratori alimentari, considerando che il fabbisogno vitaminico giornaliero varia a seconda dello stato fisiologico e/o patologico dell'individuo, in funzione anche di: età, sesso, stati particolari come la gravidanza e l'allattamento.

Per conoscere impieghi e indicazioni circa la corretta assunzione del prodotto, in relazione alla composizione e alla costituzione personale, ci si può rivolgere al proprio medico o farmacista di fiducia. Per ulteriori approfondimenti si può far riferimento a fonti informative accreditate come pubblicazioni scientifiche, bibliografie tematiche, etc.

Le informazioni riportate non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto tra professionista della salute e paziente. E’ pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o farmacista.